crowdfunding

Crowdfunding: i finanziamenti arrivano dal web

Crowdfunding come alternativa al credito

Crowdfunding e 11 Milioni di euro per una bicicletta elettrica.

Non parliamo del prezzo, ma della somma vertiginosa raccolta da una startup danese per finanziare Mate X, l’e-bike pieghevole che ha conquistato la rete.

Gli 11,5 milioni, infatti, arrivano da una campagna di crowdfunding, lanciata sulla piattaforma Indiegogo.

La raccolta per Mate X è stata aperta in estate e ha superato i 25mila sostenitori. Per i pre-ordini online i prezzi vanno da circa 780 a 960 euro, in base alla potenza della bici, con consegne previste a marzo 2019.

Ma approfondiamo questa nuova modalità di finanziamento.

Cos’è

Il crowdfunding è una sorta di colletta 3.0: un insieme di persone (crowd=folla) conferisce denaro per finanziare (funding) un progetto attraverso siti internet dedicati.

Questa modalità di finanziamento permette a tutti, da tutte le parti del mondo, di richiedere dei fondi per realizzare la propria idea imprenditoriale senza utilizzare i canali classici rappresentati da banche ed istituti di credito.

La capacità del web di raggiungere, coinvolgere ed emozionare un vasto numero di persone, costituisce l’elemento essenziale per ottenere un finanziamento attraverso questo canale.

Le attività di marketing e comunicazione risultano, dunque, essenziali per la buona riuscita della campagna.

Come funziona

Chiunque voglia veder finanziata la propria idea, la inserisce nella piattaforma web fornendo descrizioni dettagliate sul progetto, sulle modalità di impiego del denaro e sui tempi di realizzazione. 

I progetti prevedono di norma un obiettivo, in termini di quantità di risorse, e una scadenza temporale entro la quale raccoglierle.

Alla scadenza è possibile che il budget richiesto sia raggiunto, per cui tutte le promesse d’investimento saranno accreditate al promotore del progetto.

Potrebbe però verificarsi il mancato raggiungimento dell’obiettivo finanziario; in quest’ultimo caso o verrà accreditata la somma parziale raccolta, oppure nessun versamento verrà perfezionato.

Tipologie di Crowdfunding

Esistono diverse tipologie di crowdfunding, distinte sulla base delle finalità per la quale si raccolgono le risorse finanziarie o in relazione alla remunerazione prevista per i finanziatori del web.

 

  • DONATION CROWDFUNDING

 

Il donation-based crowdfunding è la tipologia che più si avvicina alla tradizionale colletta. Questo modello consiste nella raccolta di denaro per ragioni benefiche o sociali; il crowdfunder, cioè il donatore, non ottiene nessun tipo di ritorno

 

  • EQUITY CROWDFUNDING

 

È il modello più recente, il più articolato e complesso e l’unico ad essere regolamentato in Italia dalla Consob.

Chi finanzia il progetto diventa socio della start-up ed è un investitore a tutti gli effetti.

Questa tipologia di crowdfunding, una volta riservata solo alle start-up e alle PMI innovative, dal 2017 è aperta a tutte le piccole e medie imprese italiane.

 

  • REWARD CROWDFUNDING

 

Il reward è la forma più diffusa crowdfunding. Chi versa una somma di denaro riceve una ricompensa non monetaria: un premio, un ringraziamento pubblico oppure il prodotto stesso.

 

  • LENDING CROWDFUNDING

 

Il modello lending si basa sul concetto tradizionale dei microprestiti: le somme ottenute devono essere restituite con gli interessi.  

Il “prestatore” attraverso questo canale, diversifica il rischio finanziario investendo i risparmi in diversi piccoli progetti.

Anche questa possibilità, insieme alle altre modalità di accesso al credito, permette al neo imprenditore di realizzare il proprio sogno.

Contattaci con fiducia per ricevere un supporto costante e professionale in ogni fase della tua start-up.